di Baby Lemonade

Intervista a DadGad

who da fuck is this?

Qualche giorno fa ho aperto YouTube per fare il mio quotidiano giro per gli ultimi aggiornamenti musicali, entro nel canale di Tremendo Garage, scorro e mi fermo su un demo. Apro, inizio ad ascoltare, mi piace, è perfettamente in linea con tutto quello che ascolto adesso. Super lo-fi un po’ synth un po’ garage un po’ punk, da volare. Per ora niente di così sorprendente, un altro EP da ascoltare fino all’infinito e sicuramente da recensire nella prossima puntata di Stanzy Reviewsss. Se non che poi leggo la caption di Tremendo:

“OMG!!! We were all really looking forward to this. One man mess from Italy, Dadgad’s first demo is available on bandcamp and physically on Loopy Scoop Tapes, grab your fucking copy!” … Ho dovuto rileggerla almeno tre volte prima di rendermi conto che era veramente così…Dadgad è italiano. Chi l’avrebbe mai detto? Apro bandcamp e vedo Varese…sì ok, è vero, questo demo è italiana. 

Chi è DadGad, quindi? Nessuno lo sapeva e per cercare di capirlo abbiamo deciso di rivolgergli qualche domanda e svelare questo mistero…

Ciao DadGad, intanto grazie per regalarci un po’ del tuo tempo, abbiamo ascoltato il tuo primo demo e siamo rimast* folgorat*. Dove sei stato tutti questi anni, perché non abbiamo sentito parlare di te prima? L’unica cosa che sappiamo è che sei di Varese e che il tuo demo spacca. Insomma, da dove arrivi veramente? 

Ciao a voi e grazie mille per lo spazio e le belle parole! 

Sono nato e cresciuto a Varese e dai primi anni del liceo ho cominciato ad entrare in contatto con alcune delle realtà musicali che la città aveva da offrire. Ho suonato in varie band girando tanto generi e strumenti diversi (chitarra e voce in un gruppo hardcore punk, basso in un progetto thrash/crust di breve durata ma super intenso e la batteria in una band Stoner con due miei carissimi amici). Trasferendomi a Roma per l’università mi sono trovato da solo e con una gran voglia di suonare, ho cominciato così ad approcciarmi alla home production mischiando analogico e digitale. Di base sono sempre stato un sostenitore del DIY e di tutto il mondo che sta dietro a questo concetto. 

Dadgad è uno dei miei progetti più recenti e la pubblicazione è stata un qualcosa di abbastanza improvviso. Jeff di Loopy Scoop Tapes mi ha contattato intorno a fine luglio e nel giro di una settimana abbiamo organizzato tutto. 

Non potrò mai ringraziare abbastanza Jeff per la fiducia e la passione riposte fin da subito nel progetto oltre che all’occasione in generale. 

DadGad è anche un’accordatura aperta che si usa sulle chitarre, è la stessa che usi te o c’è qualche altro significato dietro a questo nome? 

Sì è un accordatura che mi piace usare oltre alla standard. 

In realtà non ha un collegamento diretto col nome, è la parola in sé che mi piace. 

La tua demo è perfettamente in linea non ha niente da invidiare a tante le altre uscite che si trovano sui vari canali youtube che conosciamo, quali sono le band che apprezzi maggiormente in questo momento?

Ultimamente sto ascoltando molto Amyl and the Sniffers che hanno fatto uscire il nuovo album (ed è una bomba). Poi mi sto ascoltando a ripetizione Wawita Violenta dei Moplo o lo split dei Prison Affair coi Research Reactor Corp. 

Hai altri progetti musicali oltre a DadGad?

Sì produco jungle e drum and bass col nome 2phat. Sono dei generi che ascolto da un po’ e con cui ho sempre voluto avere a che fare.

Ad aprile ho fatto uscire una demo su cassetta a tiratura limitata completamente autoprodotta, un lavoraccio che però ha dato molte soddisfazioni.  

Supporto cassetta, una scelta economica, di “stile” o di resa del suono? 

Direi tutte e tre le cose perché la cassetta è un supporto che mi piace proprio per il suo essere low budget, per l’immaginario e il tipo di esperienza che la contraddistingue e le potenzialità dal punto di vista del suono. 

Suona scontato da dire ma in generale mi piace la resa del supporto analogico. 

Ti sentiremo mai live con questo progetto? Se sì devi assolutamente venire a suonare da noi!

Ho in mente di portare il tutto in live, probabilmente collaborando con degli amici. 

Mi serve un po’ di materiale in più e che la situazione covid si calmi e lasci di nuovo respirare tutto il mondo della musica live in generale. 

In ogni caso grazie mille dell’invito, a questo punto speriamo di vederci presto!

DadGad – “DEMO” 
da: Varese
Label: LoopyscoopTapes
Copertina: ?
Uscita: 31 agosto 2021
 

Top Stories

The Lost Record

Edoardo Serena ha intervistato la coppia Svenonius (Nation of Ulysses, The Make-Up, Chain and The Gang ecc…) Cabral a Milano, dopo la presentazione del loro film “The Lost Records”.

Read More »